Dream

La vita è un gioco che dura il tempo necessario per capire che non vale sempre la pena vincere. Arrendersi non è sempre una sconfitta, voltare strada al prossimo bivio è quella sottile differenza data dalle opportunità. Si perde al gioco, così come in amore. Nelle amicizie. Nei sentimenti. Nelle azioni quotidiane e nei giochi…

E me

È l’aria della primavera, che mi entra dalla finestra quando ormai fuori è quasi totalmente buio. Al crepuscolo, sento il cuore singhiozzare mentre, sullo sterno, preme un masso invisibile fatto da malinconia, tristezza e solitudine. Ed è un battito che è fermo. Pulsa solo per me. Non sento niente, neppure le prigioni in cui mi…

La curva mezza della Luna

Era come quando, all’improvviso, ti senti sopraffatto dal rumore ed invece c’è silenzio. Ed era allo stesso modo come quando ti immergi nella nebbia pensando di trovarti in un sogno. Quell’illusione storta. Assai provocante, come le schiene incurvate all’indietro a formare un semicerchio. La curva mezza della luna.

I’m not sorry

Non ho scuse, Né peccati da farmi perdonare . E non ho rabbie assieme ai rancori. Ho un debole per gli occhi e per i miei capelli lunghi.

Metallo su pelle

Il tempo è una variante esterna all’essere umano. Un modo unico ed esclusivo per avere risposte, durante l’esistenza. Ancor meglio agisce quando smorza l’interesse nel porsi in partenza, delle domande.

C’era una volta.

Certe volte torni dove a lungo sei stato.Ti volti. Ti guardi intorno.Cerchi i ricordi negli spazi.Né i luoghi.Né le persone.Né le voci, le luci.Solo silenzio.Che è così talmente forte che ti rimbomba ovunque, pure dentro le ossa delle gambe.

Pace

Lo scrivo quando ancora il giorno non ha toccato la terra, La pioggia è rimasta ferma sulle piccole foglie. Mentre ho i piedi freddi e le mani calde.

Monologo con la vita.

– Non lo so. – Ecco, ci risiamo, cosa non sai ? – Non so perché ora, mentre mi lavo i denti, mi fisso allo specchio e penso al mare. È inverno e fuori piove sempre, ormai da settimane. Mi ricordo di aver visto poche rive durante la mia vita pur essendo stata qualche volta…

Le anime silenti

E poi dormi, Chiudi gli occhi che il sonno ti consola. Ti abbraccia e non ti lascia mai indietro, ti cammina a fianco come un fratello farebbe in guerra. Ti protegge come le madri farebbero con i figli fuori e dentro dal grembo. Scogli i pensieri. Le torture e le paure che arrivano di notte,…

Dentro, solo tu

La solitudine è un posto che ti porti dentro solo tu, Un terra arida che conosci da solo, ogni volta che incroci le gambe e ti siedi con la pesantezza di un’ estate senza acqua. Quelle crepe aperte dove manca l’erba. Lembi di pelle tagliata profondamente, tanto da poterci racchiudere dentro una mano.

2020

La consapevolezza s’impara attraverso il tempo. Le abitudini, s’imparano con il passare degli anni.  Collezionare eventi, paesi e persone. Esperienze, incontri, sentimenti e morte.  Fino a quando arriva un tempo in cui per aggiungere hai bisogno di togliere. Di fare spazio dove avevi pensato di aver fatto ordine. E togli. Cerchi e scavi nelle scatole…

Buon Natale

Oggi è Natale e io ancora non ho imparato a sopportare le ante degli armadi aperte, la confusione dei rumori alti che mi creano indigestione come i pomodori sulle bruschette appena tagliati. Mi sarei voluta impegnare quest’anno, avrei voluto scrivere una lettera lunga al mio Babbo Natale – quello che è un po’ di tutti…

Fumo rosso

Nel buio Di una mezza Luna, Uscita da una grondaia, Di chi come me, Vede il fumo Tra le luci colorate.

DNA

L’ho sentita. Ho dovuto trovare il coraggio, raccolta nel buio, davanti al profumo del fuoco rosso ardente, circondato dalla cenere e qualche pezzo di carbone tutto nero. Ed è come se fosse una rincorsa, due voci, due motivi diversi che veloci attraversano l’aria formando un gioco di movimento. L’una urla quando l’altra prega in ginocchio….

C’è l’arcobaleno

La speranza è una forza che andrebbe compresa come la paura, il sonno, il freddo. Nel corso di un’esistenza facciamo a brandelli il cuore e lasciamo i sogni strappati negli angoli delle strade, quelle che rimangono sempre poco illuminate e sono piene di immondizia ammucchiata. E non ce ne rimane abbastanza, né di cuore né…

Resiste

Accanto ad un fiore d’inverno, Vivo un ramo secco, rimasto appeso Immobile. Ho come la sensazione che non voglia cadere per abbandonarsi nel nulla. Sui pavimenti gelidi che scioglie la pioggia e non accarezza mai il sole.

Distrazioni vincenti

La malinconia si assapora con il tempo, Si sente nel silenzio. È una forma dell’istinto naturale, Che non si porta via il vento.

Sogni bagnati

Sogno i velieri in tempesta e le pioggia battente sulle vele della paura. Penso alle braccia che cadono appesantite dalla mani. Sogno uragani e poi l’arcobaleno. Penso all’acqua che scorre e non trova mai pace. Sogno le teste e poi le code. Penso ai venti che arrivano dall’Est e Singapore d’inverno . Sogno di tornare…

Sei di mattina

Lascio dalla finestra entrare quell’odore umido che l’aria ha raccolto la notte. Abbracciare i miei sensi, riempirmi di pensieri puliti e bene lavati. Profumati.

È solo Luce

C’è una forma che non necessita di essere spiegata. È quella che prende vita riflettendosi sulle mani, adattandosi ai contorni, rimanendo nei margini. È così che si avverte allora la temperatura. Il caldo, il freddo. La nudità .

Il ponte

A volte mi fermo e accetto di vedere scorrere il tempo, come ogni ponte fa con la sua acqua; la osserva fermo ed immobile stando attento a non far rumore. A non crollare.

Le forme

C’è stato un tempo in cui mi ero decisa a sopportare il dolore. Ad apprezzare la vita attraverso il forte vuoto che mi spingeva all’indietro. Mi faceva cadere. Giusto in tempo, proprio nel tempo. Un tempo.

Vento

C’è un confine che si ferma Dove si appoggia il vento, con quel suo fare movimentato. Una inutile rincorsa il tentare di afferrare l’aria che veloce si sospinge sulle cose vive, su quelle morte. Dentro le persone. A saperlo, sarei rimasta ferma. A guardare. Ad attendere.

Sole d’Autunno

Alla bellezza del viso stanco, A quelle profondità viola che portano segnate la stanchezza del lavoro, del sonno veloce e profondo, quello che ti sorprende non appena le ossa toccano una superficie molla e accogliente. A quella pelle che sul collo sembra lasciare memoria dei respiri, tutti. E si scava. Alla gratitudine che scende nell’Anima,…

Fin dove c’è confine

Sono sempre io a tornare indietro, nelle teste, dalle persone. Torno con l’esigenza di capire. A volte anche di rimanere. Busso sempre troppo forte e non mi spaventa creare confusione facendo rumore. Le nuche basse e poco inclini allo sguardo alto, non mi sono mai piaciute. Piuttosto aspetto il silenzio, quello dopo il frastuono del…

Sempre

C’è sempre.Come se avvertisse il momento, quello in cui i miei capelli diventano più ricci e mossi dal vento dei suoi, come se sapesse di quei miei tumulti che ogni tanto si trasformano in angoscia.Arriva, con quel suo strano modo di pronunciare il mio nome. Con quella sua strana voglia di contenermi in un abbraccio.Vive…

Preventivi a distanza

È tutto quello che non ci aspettiamo a cambiarci la vita. Nel momento esatto in cui succede, forse per sbaglio, o semplicemente in un tempo già prestabilito. Dal quel momento in poi niente è come prima.Tutto è diverso da come era. Ogni cosa può risulta difficile solo perché, alla fine dei conti, non l’avevamo preventivata.

Luna rossa

Esco fuori dalla porta e sento il profumo di una primavera che ha voglia di arrivare. È già arrivata. C’è nei prati. Sugli alberi. Nelle stelle in cielo che la notte brillano e si mostrano innocenti. Mi è sempre piaciuto ammirare la notte e i suoi pensieri. Ho sempre pensato che rendesse vive le emozioni…

Crescita

Si cresce quando impariamo a ridere di noi stessi. Delle disavventure. Dei difetti. Quando delle mancanze facciamo una virtù consapevole. Specie se quello che manca è una difficoltà che andrebbe superata solo attraverso la vita. Il tempo che passa. Il rumore del silenzio che spesso si appassiona pure lui a sfuggire negli attimi, intrinseci di…

Gloria.

Faccio sempre così . Ancora ora. Da buona nuotatrice quale ero. Mi tuffavo nell’acqua più profonda ad occhi chiusi. Pur sapendo che quella non era la giusta regola. Pur sapendo che bisogna avere sempre negli occhi un punto fisso dove atterrare, anche se di acqua stiamo parlando. Quando si tratta del mio corpo, le regole…